giovedì, dicembre 13, 2018
info@lavoraresmart.it
Startup

Greenrail, la startup italiana dell’anno

Greenrail è stata decretata la startup italiana dell’anno secondo dalla giuria del StartupItalia! Open Summit. Non male! Soprattutto se consideriamo quanto sia difficile farsi notare nel panorma degli investitori italiani.
LavorareSmart

Greenrail è stata decretata la startup italiana dell’anno secondo dalla giuria del StartupItalia! Open Summit. Non male! Soprattutto se consideriamo quanto sia difficile farsi notare nel panorma degli investitori italiani.

Volendo fare una valutazione del quadro generale delle  startup italiane, possiamo  infatti constatare quanto l’industria dell’innovazione non se la passi benissimo. I dati della relazione annuale 2017 sull’universo delle piccole e medie imprese innovative, presentata dal ministero dello Sviluppo economico, dimostrano quanto, a fronte di molte idee innovative, gli investimenti  da parte di venture capitalist e investitori stranieri siano decisamente insufficienti.

Greenrail, una startup innovativa ed ecologica

Va contro corrente Greenrail, la startup che è riuscita a vincere la seconda edizione di StartupItalia! Open SummitLa giuria, composta da oltre 100 investitori e rappresentanti di aziende, ha premiato la startup fondata da Giovanni Maria De Lisi proprio per la sue carratteristiche innovative e per la sua capacità di incuriosire ed attirare gli investitori.

Greenrail è una startup che è riuscita a realizzare una traversa ferroviaria ricavata da materiale riciclato: innovativa, eco sostenibile, e concretamente utile.

Non è un caso dunque il fatto che abbia già ottenuto una commessa milionaria dalla società statunitense Safepower1. E’ proprio l’esempio lampante di come, per quanto sia difficile farsi notare, quando si ha alla base un’idea vincente, il successo sia inevitabile.

Con la Safepower1 è stato fatto infatti un accordo molto vantaggioso che spiana la strada alla startup italiana. 

75 milioni di dollari e un accordo operativo in ben cinque stati americani:

  • Illinois,
  • Michigan,
  • Indiana,
  • Minnesota,
  • Missouri e
  • Wisconsin.

Ma non solo! La conquista dei grandi spazi americani non è che l’inizio! Greenrail, decollata grazie al Politecnico di Milano, è infatti già arrivata in 70 paesi nel mondo.

E quando il successo è così palese, anche gli investitori italiani ne vengono attratti. Nel 2015 ha ricevuto un’importante offerta da Fabio Cannavale che ha tentato Giovanni Maria De Lisi proponendogli di cedere il 20% della società in cambio di un milione di euro. Non ci crederete ma… Offerta rifiutata!

Giovanni Maria De Lisi ha deciso di proseguire per la sua strada, ferrata ovviamente!

Greenrail