lunedì, settembre 24, 2018
info@lavoraresmart.it
News

Alitalia Ferragnez: il volo della discordia.

Alitalia Ferragnez
LavorareSmart

Alitalia Ferragnez: il volo della discordia. Per raggiungere Chiara Ferragni, già a Catania da due giorni, Fedez è partito da Linate con un Airbus 319 di Alitalia assieme ad altre 120 persone invitate al matrimonio.

La compagnia aerea ha allestito un intero gate con tanto di biglietto aereo personalizzato, bambola gigante con le sembianze della sposa e gadget di bordo firmati Alitalia e Ferragnez.

Il fatto ha suscitato scalpore e sono molte le persone ad aver storto il naso. Primo tra tutti il ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio ha chiesto spiegazioni alla compagnia aerea Alitalia sull’aereo  “Ferragnez” dedicato agli invitati del matrimonio di Chiara Ferragni e Fedez.

Anche l’associazione per la tutela dei consumatori ha annunciato che intende “presentare un esposto all’Enac affinché verifichi la correttezza dell’operato sia dell’aeroporto di Linate, sia di Alitalia” e “se le decisioni dello scalo di Linate e di Alitalia abbiano avuto ripercussioni sui passeggeri ed eventuali costi a carico della collettività”.

Alitalia Ferragnez, la risposta della compagnia aerea

Alitalia rassicura il ministro e spiega che

“Non si sono registrati disagi per i passeggeri in partenza dallo scalo di Milano Linate”.

“Si è trattato di un cosiddetto volo “dedicato”, ossia di un volo di linea, già previsto nella programmazione operativa della Compagnia, riservato ad un unico gruppo di viaggiatori che, quindi, erano gli unici al gate dell’aeroporto milanese. Si precisa inoltre che non si è trattato di una sponsorizzazione, ma di un normale accordo commerciale da inquadrare nella campagna pubblicitaria dell’azienda”

Dal mondo delle politica è arrivato anche il commento del deputato del Partito democratico Michele Anzaldi, che ha chiesto al ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli di “stigmatizzare la decisione di personalizzare biglietti e schermi con il logo Ferragnez» considerate «le difficili condizioni economiche della compagnia”.

Si chiama marketing!

Dalla compagnia fanno sapere che non si è trattato di una sponsorizzazione, bensì di un “accordo commerciale” Insomma, nessuno si è ‘piegato’ al volere di due personaggi famosi ma si è semplicemente messa in atto una campagna di marketing.

Chiara Ferragni è o non è un’ifluencer in grado di attirare l’attenzione sui prodotti che usa? Alitalia è o non è una compagnia in crisi, finanziaria e di immagine?

Alitalia infatti spiega che si è trattato di un accordo in base al quale un volo di linea (che quindi sarebbe partito comunque e non ha comportato costi aggiuntivi) è stato riservato alla coppia e ai suoi ospiti a condizioni di favore in cambio del ritorno di immagine legato alla diffusione di foto e video del viaggio sui canali social della coppia.

Un’operazione di rafforzamento del marchio che fa leva, spiegano da Alitalia, sul fatto che la Ferragni ha 14 milioni di follower su Instagram e il rapper 6 milioni.

Alitalia Ferragnez